Gli accelerometri piezoelettrici offrono un'enorme versatilità per la misurazione di urti e vibrazioni. Questi robusti sensori sono in grado di resistere a condizioni ambientali avverse. È disponibile un'ampia gamma di configurazioni per soddisfare molteplici requisiti applicativi. Le unità speciali sono disponibili anche attraverso modifiche di progettazione meccanica o elettrica o prove di qualificazione aggiuntive.

Esistono due grandi categorie di accelerometri piezoelettrici: quelli che contengono l'elettronica di condizionamento del segnale integrata (di tipo ICP® , modalità tensione) e quelli che non la contengono (modalità carica). In generale, sono preferibili gli accelerometri ICP®, per via della facilità d'uso, della più semplice configurazione della calibrazione del sistema di dati e del minor costo del sistema. Gli accelerometri ICP® sono tipicamente disponibili con una delle due seguenti sensibilità:10 mV/g (+/- 500 g) o 100 mV/g (+/- 50 g). Gli accelerometri a modalità carica sono tipicamente utilizzati in ambienti ad alta temperatura, che altrimenti distruggerebbero i componenti elettrici di un accelerometro di tipo ICP®.

Gli accelerometri triassiali offrono la possibilità di effettuare misurazioni simultanee in tre direzioni ortogonali che permettono di analizzare l'intera vibrazione a cui viene sottoposta una struttura. Ogni unità incorpora tre elementi di rilevamento separati, orientati perpendicolarmente l'uno rispetto all'altro. Ogni direzione (asse) è considerata un singolo canale dal sistema di dati. I connettori elettrici multipolari, i cavi singoli o i connettori coassiali multipli forniscono le uscite di segnale per l'accelerazione degli assi x, y e z.

L'uso di accelerometri triassiali ha acquisito popolarità in quanto il desiderio di un'analisi approfondita delle vibrazioni strutturali è aumentato e i costi di acquisizione multicanale dei dati sono diminuiti. Questi dispositivi sono strumenti essenziali per i requisiti delle prove di analisi strutturale. I produttori eseguono questo tipo di analisi durante lo sviluppo del prodotto, gli studi di ingegneria, la risoluzione dei problemi e la convalida dell'uso del prodotto.