Sensori che resistono agli ambienti difficili, ad alta temperatura ed estremi delle acciaierie

Le acciaierie non hanno solo ventilatori, pompe, compressori, riduttori e torri di raffreddamento tipici, ma anche macchine e processi unici dell'industria siderurgica. Le dimensioni delle macchine, la loro progettazione, le velocità operative, i tempi di ciclo, le operazioni a lotti e gli ambienti difficili delle acciaierie richiedono spesso l'uso di sensori e metodi accuratamente selezionati per un monitoraggio efficace delle apparecchiature. Le aree di produzione del ferro e dell'acciaio sono spesso caratterizzate da un'abbondanza di nastri trasportatori di grandi dimensioni, macchine critiche a bassissima velocità con rotazione limitata, gru EOT di grandi dimensioni e turbosoffianti di grande volume accoppiate ad aria calda di abbattimento a 2300 F, ferro liquido fuso, bramme roventi, spesso a rischio di monossido di carbonio e, naturalmente, laminatoi.